17 Giugno 2024

A nemmeno un mese dall’elezione della nuova presidente della Regione Sardegna, arrivano, puntuali, le dimissioni del sub commissario Tronca dall’ex Arsenale de La Maddalena. Una nomina che era avvenuta all’ultimo minuto della campagna elettorale, una “marchetta elettorale” dell’ex presidente Solinas, anche un po’ rocambolesca e chiaramente farlocca, per attirare qualche voto in più in una campagna elettorale in cui l’ex presidente poteva vantare solo fallimenti in ogni settore e la “sua” Regione numeri drammatici in tutti gli ambiti economici, sociali e sanitari.  Una dimostrazione che le forzature della campagna elettorale, forse portano qualche voto (questa volta non ci sono riusciti), ma dopo, quando si deve fare i conti con la burocrazia dei documenti ufficiali, delle coperture effettive, dei cavilli che stoppano anche i decreti fatti con i migliori criteri, e di certo quello di Solinas, sulla nomina del sub commissario all’ex Arsenale de La Maddalena, non lo era affatto, si mostrano per quel che sono in realtà: marchette elettorali e basta! Denotano comunque un sistema collaudato della destra di praticare la truffa come “abile” mossa propagandistica nelle campagne elettorali. A livello nazionale, per esempio, forse, “detta” Giorgia non ne avrebbe bisogno, ma la paura fa novanta e la maggioranza di Governo non sentendosi più sicura del consenso popolare, sta annoverando per l’elezione europea del prossimo giugno, una serie di pratiche ingannevoli, che gettano fumo negli occhi degli elettori ed elettrici per attrarli alle urne che, come le culle, sono sempre più vuote. Siamo sempre più nel Giorgia “man show” (non è un errore di genere ma un desiderata di Giorgia stessa), in cui tutto si tiene: delinquenti, buffoni, nostalgici delle dittature più spietate, terrapiattisti, negazionisti, un circo Barnum che ci governa, e che sogna di andare in un’Europa spostata decisamente a destra e che, per questo scopo vuole portare a Bruxelles il meglio della propria classe “politica”: i Vannacci, gli Sgarbi, saltimbanchi e furfanti storicamente accreditati…… e che arricchiscono il parterre della maggioranza di Governo. Poveri noi!  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *