13 Aprile 2024

Sabato 6 maggio si terrà a Tempio Pausania, nella piazza antistante il Palazzo Comunale, la cerimonia per la consegna ufficiale della “Bandiera dei Borghi più belli d’Italia” alla Città di Pietra. Lo scorso 20 gennaio, infatti, il Comune di Tempio è stato inserito tra “I Borghi più belli d’Italia”, portando così a nove il numero dei centri sardi che fanno parte di questa importante rete nazionale di promozione delle citta italiane. Promozione di un turismo “lento”, immersivo e sostenibile tra patrimonio storico e culturale, natura incontaminata e alta qualità di vita.

La cerimonia avrà inizio alle ore 10,30 con gli interventi del sindaco Gianni Addis e dei rappresentanti dell’Associazione “I Borghi più belli d’Italia”: il presidente nazionale Fiorello Primi e il coordinatore regionale Franco Cuccureddu. Con loro anche Matteo Ricci, sindaco di Pesaro “Capitale italiana della Cultura 2024”, Andrea Biancareddu assessore regionale alla Cultura e il presidente regionale dell’ANCI Emiliano Deiana. Accompagneranno la manifestazione la Banda musicale “Città di Tempio”, il Coro Gavino Gabriel, il Gruppo Folk Città di Tempio e il musicista Mauro Savigni.

Lo scorso gennaio, dopo un iter di candidatura avviato dalla Giunta guidata dal sindaco Addis meno di un anno fa, il Comune di Tempio Pausania è stato ufficialmente accolto nell’associazione nazionale “I Borghi più belli d’Italia”, che riunisce in un circuito turistico di eccellenza Comuni che si distinguono per l’alta qualità dell’accoglienza turistica, della manutenzione e dello sviluppo. Un riconoscimento prestigioso per il capoluogo gallurese e per il suo ricco patrimonio architettonico, storico, artistico e paesaggistico, ma anche un prezioso strumento di promozione e valorizzazione che permetterà all’antica Città di Pietra – grazie alla conservazione di un nucleo storico, il borgo appunto, che ha mantenuto la riconoscibilità della sua originaria struttura insediativa – di fruire delle tante e importanti opportunità e iniziative che l’associazione “I Borghi più belli d’Italia” porta avanti da oltre 20 anni in Italia e all’estero per promuovere le bellezze dei centri minori italiani e ampliare la loro visibilità nel mercato turistico nazionale e internazionale. Un marchio culturale e turistico riconosciuto a livello internazionale, considerato anche come un importante indicatore del patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese.

Tra i requisiti che deve avere il borgo per entrare a far parte della rete, fondamentale è quello di possedere un “insediamento o nucleo storico che ha mantenuto la riconoscibilità della sua struttura insediativa storica e la continuità dei tessuti edilizi storici e che presenta consistenti porzioni del patrimonio edilizio in abbandono. Nel caso di piccoli e piccolissimi comuni il borgo oggetto di intervento potrà coincidere con il centro urbano del territorio comunale mentre nelle realtà comunali più grandi per borgo è da intendersi un nucleo storico, prevalentemente isolato e/o separato dal centro urbano e pertanto non coincidente con il centro storico o porzioni di esso”.

Far parte della rete dei Borghi è una conferma delle capacità dei piccoli centri di generare economia e di mettere a frutto in modo sostenibile il grande patrimonio della Città di Tempio anche attraverso un recupero mirato del centro storico, grazie al quale generare un turismo di ritorno ma anche divenire accoglienti e attrattivi per i nuovi modelli di lavoro digitali e per gli smart worker d’Italia e d’Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *