26 Maggio 2024

Dopo tre anni di fermo dovuti principalmente alla questione pandemica, è tornata con forza la giornata del Primo Maggio a Olbia, grazie allo sforzo organizzativo dell’Associazione Eventi Frizzanti. E’ stata una giornata piena di eventi, che ha attirato un folto numero di presenze, nonostante l’incertezza delle previsioni meteo. 

La mattina è stata dedicata soprattutto ai più piccoli, con lezioni gratuite di calcio, danza e teatro, oltre a momenti di sensibilizzazione con la Croce Rossa Italiana e la Protezione Civile. Il momento più importante della mattinata è stato sicuramente alle 12, con l’incontro-dibattito di Giulia-Giornaliste Sardegna, nel quale si è affrontata la corretta rappresentazione delle persone con disabilità nei media. 

Il pomeriggio è stato grande risalto alla musica dal vivo, dai gruppi locali ad importanti artisti nazionali. Alle 16.30 hanno aperto il concerto, presentato da Antonella Brianda e Matteo Pianezzi, la Scuola Sonos di Olbia, poi i Purple Drip, Simo e Sere, Giò Dark e così via sino alla punta di diamante, Cristina Donà, musicista milanese che ha contribuito a definire una nuova stagione del rock mediterraneo, che si è esibita dopo le 21.30. 

Tra un’esibizione e l’altra si è fatto riferimento al valore del Primo Maggio, del perché si festeggiano i lavoratori e ad alcune delle campagne di sensibilizzazione presenti fra gli stand. Ricordiamo, tra le altre, la raccolta fondi con la Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica, e la raccolta firme del Sindacato della Cgil per la proposta di legge costituzionale a favore dell’autonomia differenziata dell’istruzione, a tutela di territori geograficamente svantaggiati come la Sardegna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *