5 Marzo 2024

All’interno delle iniziative delle scuole di Olbia sul ricordo della Shoah si inserisce anche l’iniziativa del Liceo Gramsci di Olbia con lo spettacolo teatrale “La rosa di Dio”. La sceneggiatura è ispirata alla storia vera di Rosa, “Suor Giuseppina” Demuro, nata a Lanusei e che, durante la Seconda Guerra Mondiale, prestò la sua opera presso il Carcere Le Nuove di Torino, finendo poi col rimanerci volutamente tutta la vita. Salvò moltissimi antifascisti, ebrei e partigiani anche con metodi spesso molto arguti, permettendo a tante famiglie di riunirsi.

Le vicende, raccontate in prima persona dal Carcere attraverso i suoi ricordi, sono state rielaborate da Letizia Loi, studentessa del Gramsci, che ha diretto lo spettacolo e che ha ottenuto già successo per lo spettacolo “Forte come un leone” qualche mese fa. Gli interpreti e le comparse sono tutti giovani studenti.

Il progetto è stato coordinato dalle Prof.sse Antonella Bestazzoni e Caterina Massimetti, ed attuato grazie al supporto della Dirigente Prof.ssa Salvatrice Scuderi. La prima è andata in scena ieri, 27 gennaio, presso l’Aula Magna del Liceo Classico, e questa mattina lo spettacolo si ripeterà al Teatro di Ittitri, dove  la “compagnia teatrale” di Letizia Loi e dei suoi attori è stata invitata dal Direttore Artistico del teatro, Daniele Monachella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *