18 Giugno 2024

Sono contenta che questo spazio, prezioso e soprattutto libero, si sia potuto riaprire e possa ricominciare a dare una voce e fornire un punto di vista più vicino ai cittadini del territorio gallurese e più attento alle miriadi di problematiche che ci stanno affliggendo e che non riescono a trovare soluzione. Alcuni esempi? La sanità in ginocchio, l’ambiente sempre più aggredito, il sistema sociale scardinato nelle sue fondamenta di diritto e libertà, il senso civico calpestato da un incalzante individualismo e “vaffanculismo”. Siamo oggi alle prese con elezioni politiche e con candidati e partiti fomentati dalle “priorità” che i grandi media hanno creato ad arte, foraggiati da interessi particolari di gruppi di elite finanziaria e che detengono e mantengono un potere cinico e impudente.

Dar voce ai lettori

Per resistere a tutto questo e dare una voce e un segno di verità ai lettori, gli spazi di libertà che i giornali indipendenti online garantiscono, diventano necessari e imprescindibili. Promuovere la guerra in un paese in cui il 70% dei cittadini è contrario, è l’esempio principe di una totale noncuranza del sentimento autentico delle persone e di ciò che è bene per un popolo. Occultare che è stata proprio la partecipazione a questo sciagurato conflitto ad innescare il problema del gas nei Paesi occidentali, tacere sul reale contesto storico e strategico per il quale si sacrificherà il nostro futuro economico e conseguentemente sociale, instillare il germe, mai sradicato, del sentimento guerresco e violento di una parte consistente della destra. Tutto ciò, solo per imporre il punto di vista e l’interesse di chi governa il mondo. Questo è il progetto editoriale dei media che così, influenzano l’opinione pubblica verso questa o quella campagna mediatica. Hanno fatto dell’opinione pubblica un agglomerato indistinto di elementi, laddove vivono e pensano milioni di cittadini e cittadine, di tutte le età e con desideri, obiettivi, disagi, tutti diversi e tutti in attesa di una soluzione.
A questo punto sta a noi disfare questa trama e far riaffiorare, nel nostro piccolo, scampoli di verità e di giustizia sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *