16 Luglio 2024

Carissimi amici del Comitato Spontaneo Alta Gallura,

è difficile non dare ragione a quanto da Voi esposto nel comunicato pubblicato ieri su questo sito come è impossibile non condividere la preoccupazione per la situazione della sanità pubblica sospesa tra dramma e tragedia non solo nella nostra zona,

Ho da farVi garbatamente un solo appunto e dare qualche spunto di riflessione, L’appunto è questo:

La situazione incresciosa dell’ (ex?) Ospedale Civile Paolo Dettori non riguarda solo l’Alta Gallura ma anche molti vicini paesi dell’Anglona come suggeriscono le insegne delle molte ambulanze che arrivano a Tempio. Io con molta umiltà suggerirei di fare riferimento nel nom alla Sardegna di Nord EST e tenterei in tutti i modi di coinvolgere i sindaci dei comuni interessati.

Inoltre, cercherei di legare le lotte del nostro ospedale con quelle del Paolo Merlo di La Maddalena che conosce situazioni non meno difficile d intricate delle Nostre (in politica più si è meglio è)

Non mi limiterei a chiede ri salvaguarda l’esistente o quello che orami fu l’esistente, ma chiederei l’immediata apertura dell’RSA di Mantelli già perfettamente pronta all’uso ma dimenticata dalla ASL. E’ possibile che un cittadino di Santa Teresa Gallura che ne abbia necessità dei servizi di una RSA debba finire a Padru con i disagi che questo comporta per i familiari e chiunque debba in qualche modo seguirlo.

Rivogherei anche le proteste per la reintegrazione dei medici del poliambulatorio dell’ex INAM a partire dal geriatra che è andato in pensione e non è stato sostituito (possibile che considerata l’evoluzione della nostra società la ASL non abbia un geriatra !?)

Sempre a riguardo delle persone avanti con l’età mi batterei perchè al Paolo Dettori venga istituito un ambulatorio oculistico che si occupi per lo meno degli interventi alla cataratta (i costi per una grossa struttura pubblica sarebbero irrisori),

Per dirla in inglese last but not least cercherei subito un dialogo con i politici della Bassa Gallura perchè l’ospedale di Tempio funzionante sarebbe una cosa ottima anche per loro. L’Ospedale e soprattutto il Pronto Soccorso di Olbia ne troverebbero grande giovamento e snellimento nelle attività. Più forti Noi più forti Voi e viceversa,

Infine, coinvolgerei il comune di Tempio Pausania perchè studi una qualche misura che serva ad incentivare il personale medico che decida di venire a lavorare a Tempio. Le risorse sono poche e le modalità di attuazione complesse ma sono certo che i nostri amministratori sapranno risolvere efficacemente entrambe i problemi

Cordiali Saluti

Lucio Ghezzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *