21 Febbraio 2024

Tempio Pausania (OT) 2 dicembre 2022. Ieri pomeriggio chi abita in certe zone della cittadina avrà sentito l’ululare disperato delle sirene di qualche ambulanza accompagnato dal rombo sordo ed inquietante di un elicottero. Chiaramente si trattava di qualche emergenza medica. Ma dove correvano le ambulanze e l’elicottero? Ovviamente alla ricerca di una struttura sanitaria ormai allo stremo dilaniata da uno stillicidio tragico ed infinito. L’Ospedale civile “Paolo Dettori” vien orami da molti anni smantellato colpi di una legislazione ed una burocrazia spietate e prive di umanità. Inoltre, sempre ieri, il consigliere comunale Alessandro Cordella ha scritto in un post su Facebook:

Presidio Ospedaliero Paolo Dettori ridotto all’impossibilità di fornire servizi. Il territorio Alta Gallura in balia della tempesta. In plancia tutto prosegue come nulla fosse tra divertenti selfie.Ieri, come già detto, é stata ulteriormente ridotta la funzionalità del reparto di Pediatria. La perdita di due unità del servizio dialisi mette a rischio anche questo vitale vitale servizio.

Oggi salta l’attività chirurgica. In sostanza il documento dice che: l’attività chirurgica che prevede il ricovero può essere eseguita solo ad Olbia. Causa: carenza di anestesisti. Denunciata dal sottoscritto ben nove giorni fa.

Ergo: l’attività chirurgica di media intensità dell’ortopedia é sospesa. Resta erogata la chirurgia di bassa intensità in regime di day surgery, solo se presente l’anestesista e senza possibilità di ricovero.

Di fronte a questa ulteriore precipitazione delle condizioni del nostro Presidio, il silenzio e l’assenza della politica e degli amministratori locali é sconcertante quanto intollerabile.

La situazione è grave e disperante. Quel che serve al territorio è avere più personale medico e meno ricorsi agli elicotteri. Perchè, come ha detto un famoso scienziato, nessuno dovrebbe morire senza la possibilità di avere un medico vicino.

Sei ti è piaciuto questo post condividilo sui social cliccando sui bottoni qui sotto ,. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *